Blog

Project Management Odoo – Profit & loss

Vorrei dedicare questo articolo al modulo project management Odoo e alle sue numerose funzionalità.

Il principale punto di forza di questo modulo è il controllo di gestione, se correttamente configurato insieme ai moduli Risorse Umane, Vendita e Contabilità è uno strumento indispensabile per le aziende che si occupano di progettazione.

Per prima cosa è necessario inserire nelle risorse umane i progettisti e indicare i costi del personale (costo aziendale ed eventualmente anche la tariffa oraria e gli eventuali listini pubblici) successivamente è necessario impostare i conti analitici secondo i criteri dell’azienda e associarli alle linee di business e ai progetti in corso.

A questo punto per ogni progetto con il modulo project management Odoo si avrà un riepilogo costi ricavi (profit&loss) che permetterà di ragionare sulla redditività. Ovviamente i dipendenti dovranno segnare le ore lavorate sui relativi progetti e l’amministrazione dovrà assegnare a fatture attive e passive il conto analitico collegato.

Ecco una schermata di Odoo (v8.0 di OpenERP) che mostra un semplice esempio. Un progetto di cui si è incassata la fattura di acconto (SAJ0001), si è speso per l’acquisto un particolare strumento (monitor a parete), si sono svolte delle ore. La cifra in basso di 7920 è da differenza tra ricavi e costi al momento.

costi-ricavi odoo

 

 

Sarà inoltre possibile avere un riepilogo delle varie linee di business nel loro insieme.

I punti di debolezza del modulo project management Odoo riguardano invece la pianificazione delle attività del progetto e l’assegnazione dei compiti, è possibile avere una vista gant ma le funzionalità sono limitate. Non è possibile far lavorare una risorsa su più progetti, individuare i colli di bottiglia o ridistribuire i carichi di lavoro.

Per chi avesse queste esigenze, in attesa che il modulo venga implementato, è possibile collegare Odoo con Libreplan (software opensource di project management) ma sui dettagli di questa soluzione mi riservo un secondo articolo.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *